Le mie foto
luca luigi carlo valbuzzi
Visualizza il mio profilo completo
Loading...
Powered by Blogger.

SEGUIMI VIA MAIL

07 marzo 2012
Per molti l’opera tav va portata avanti senza indugi, poichè è necessaria per agganciare l’Italia al treno dello sviluppo economico e dell’integrazione europea.Poi si osservano di contro i comportamenti degli abitanti della Valle di cui molti giovani ma ancor di più anziani,arrivare a Bussoleno e percorrere 9 km verso Susa solo per protestare. Alla vista di ciò una domanda mi è sorta spontanea,un pensiero ha subito affollato la mia mente:
Come è possibile imporre un cantiere per vent’anni con l’esercito?Un NON-cantiere fatto nè da ruspe nè da trivelle circondato dallo stesso ''moderno'' filo spinato prodotto in Italia e utilizzato nella Striscia di Gaza. Come è possibile decidere sopra la testa e contro il futuro degli abitanti Valsusini,se gli stessi che devono farlo fanno parte del sistema dei partiti che occupa abusivamente le istituzioni democratiche,dietro la strategia del manganello ostaggio di lobby d'affari e degli stessi interessi economici spesso anche di matrice criminosa?
Un lunghissimo corteo di manifestanti ha affollato le strade di Bussoleno Sabato 25 febbraio. Una sola caratteristica comune in questo unanime quadro sociale,è stata l'intenzione con la quale è cominciata e poi continuata la manifestazione: il pacifismo.
Settantamila persone convinte e decise a difendere con le unghie e con i denti la loro terra.Un' onda costituita non solo dagli abitanti locali ma anche da cittadini di tutte le regioni e di tutta europa,perchè, mettiamocelo in testa, la Tav non è un problema solo del nostro paese, non è solo una piaga locale! E' la storia di un tunnel inutile, antieconomico e devastante sul piano ambientale.
Grazie alla lotta Notav e alla consapevolezza che l'Italia intera stia capendo i suoi effetti,grazie alla forza della rete contro quella prezzolata delle tv e dei giornalacci cartacei finanziati a spese nostre, che non fanno altro che trasmettere atti di protesta per un terreno espropriato o come nel caso di Luca Abbà,chiamando un gesto da ''cretinetti'' solo per attirare l'attenzione ,censurando magari l'azione delle forze dell'ordine che invece di evitare una tragedia la provocano inseguendolo sul traliccio.
Ecco perché quel tunnel fa paura. Ecco perchè la tensione e gli scontri vengono usati per offuscare lo spazio del ragionamento e la credibilità degli argomenti,supportati anche dai partiti che dovrebbero essere al fianco della gente.Ne è esempio il Partito Democratico che ormai è lo scheletro di quello che doveva essere ''sinistra'' o dalla Lega Nord vicina al popolo padano solamente quando deve fare campagna elettorale ma che del popolo padano se ne fotte altamente poichè la priorita' non è altro che i soldi. 
In un vecchio varietà, Paolo Panelli teneva una rubrica dal titolo “La parola all’esperto” e spiegava agli italiani il bricolage di cui era, appunto, un grande esperto. Ogni sua lezione si concludeva così: “A questo punto voi mi chiederete che cos’è il legno. Ed eccomi qui pronto a spiegarvelo: ''il legno è il legno''. La scena si sta ripetendo con i presunti tecnici del governo Monti che, quanto ad argomenti specifici sul Tav Torino-Lione, non hanno nulla da invidiare ai politici dai quali dicono di volerci salvare. Ma nemmeno a Panelli. La loro adesione al Tav si fonda su questa motivazione squisitamente tecnica: “Il Tav si deve fare perché si deve fare”. C’è anche una variazione sul tema, anch’essa molto tecnica: “Il Tav si deve fare perché così è stato deciso”.Dopo la mia personale esperienza della giornata in Val di Susa posso e devo gridare a gran voce il perchè del mio NO alla tav!!
INUTILE,in quanto non giustificata da ragionevoli previsioni di traffico merci e passeggeri. 
DAL COSTO INSOSTENIBILE,tutto a debito della spesa pubblica e proiettato sulle generazioni future erodendo ulteriormente risorse dedicabili a scuola, sanità, pensioni e stato sociale.
ANTIECONOMICO CON UN SUCCESSIVO BILANCIO DI ESERCIZIO IN PASSIVO, da ripianare sempre mediante la spesa pubblica.
FAVOREVOLE ALLA CRESCITA DELL'INTRECCIO PERVERSO PARTITI-IMPRENDITORI-MAFIE,un cancro nel nostro Paese che le grandi opere alimentano.
UN IMPATTO DEVASTANTE, che comprometterebbe in modo molto grave talvolta irreversibile le risorse ambientali e la salute dei cittadini.

Luca Valbuzzi
28 febbraio 2012
PAGINA FACEBOOK ''Luca Abbà UNO DI NOI''
Gli vogliono tutti bene e tutti lo seguono perché ne ammirano le profonde convinzioni. In Valle di Susa, del resto, ha la sua casa, la sua terra, la sua vita: lui - aggiunge - si batte per difenderle. Luca è anche una delle centinaia di persone che hanno acquistato uno dei minuscoli appezzamenti in Valle Clarea divorati stamani dalle ruspe e dalle reti del cantiere Tav. "Abito - ha scritto Luca - nella casa dove nacque mio padre e dove hanno vissuto fino alla morte i miei nonni. Vivo del reddito che mi fornisce la Terra tramite i suoi prodotti. E il tempo che dedico (volentieri) alla lotta No Tav lo ritaglio tra il lavoro e le mille faccende della vita di campagna. L'amore per la Terra e per questa valle mi spinge a difenderla fino in fondo dalle mani avide degli speculatori".

Per qualche analista dell'antiterrorismo è l'agricoltore che, da solo, ha composto una cellula anarco-insurrezionalista nel minuscolo paesino di Cels. Per gli esperti della Questura di Torino Luca Abbà, l'attivista caduto oggi da un traliccio durante una protesta, è "il leader anarchico dei No Tav in Valle di Susa". Per i suoi tanti amici e compagni è invece "un ragazzo generoso, determinato, coraggioso, pacifista, non violento". Abbà, 37 anni, fidanzato, vive a Ruinas di Cels, una frazione del Comune di Exilles, lavorando la terra e svolgendo saltuariamente dei servizi di giardinaggio. Ha aderito ai No Tav fin dai primi vagiti del movimento e, complice il fatto di essere un valsusino, ne è diventato molto presto uno dei leader grazie al carisma, alla capacità di suscitare simpatia, ai suoi seguitissimi articoli sul web.
La Questura lo considera "il punto di riferimento dell'ala estremista" che calamita gli autonomi e gli attivisti dei centri sociali. Il suo spirito di iniziativa lo ha portato a intraprendere azioni simboliche strappa-applausi ma anche a collezionare denunce: ha in corso un processo per i tafferugli scoppiati a Torino in occasione dello sgombero di una casa occupata, ma non è coinvolto nelle inchieste sui gravi scontri con le forze dell'ordine scoppiati l'estate scorsa, quelle sfociate nei 26 arresti di gennaio. Luca - racconta una persona che lo conosce bene - è un uomo straordinariamente dolce e straordinariamente generoso
22 febbraio 2012
Giovanardi: "Stop a campagne contro carne e pellicce. Gli animalisti danneggiano il made in Italy"

Pur essendo contrario a ogni tipo di abuso contro gli animali, sarei favorevolissimo ad abusi contro Giovanardi e gentaglia come lui.
07 dicembre 2011
A distanza di circa due anni dal voto dell’aula della Camera che salvaò Nicola Cosentino, coordinatore del PDL Campano, la Magistratura di Napoli è intervenuta per autorizzare l'arresto dell’ex sottosegretario all’economia. Il dado è definitivamente tratto; l’uomo è accusato di corruzione e di altri gravi reati, sulle collusioni tra Camorra e Politica. Il Governo Monti affronta, in tal modo, il primo caso giudiziario che vede una nuova richiesta di custodia cautelare in carcere per il deputato Campano del PDL. L’accusa verte sul presunto legame dell’uomo con uno dei clan camorristici tra i più potenti in Campania: i Casalesi, che operano e avrebbero operato con lui in quel Casal di Principe che gli offriiì i natali. I vertici del PC, IDV,FLI, si palesano dicendo che Cosentino va arrestato, sottolineando che l’uomo, ancora oggi a capo del PDL in Campania, abbia contribuito a lungo a fare importanti scambi e favori con personaggi legati alla Camorra, più o meno direttamente. La democratica Laura Garavini si augura che Cosentino non abbia nuovamente scampo cosi' come avvenne l’altra volta poiché i favori non sono cessati neanche dopo la prima inchiesta che lo riguardava. “Il Parlamento deve assumere comportamenti e prendere provvedimenti rigidi contro questi gravissimi reati”. Ancora una volta un incontro tra Politica e Camorra che, quasi all’unisono, operano sul territorio campano. A sostegno di cio'ò, il GIP definisce altresi'ì Cosentino come il referente politico nazionale del clan dei Casalesi. Urlano il silenzio i vertici del partito di Silvio Berlusconi che, per la terza volta in un solo anno affronterà l’arresto di uno dei suoi deputati, annegando, in tal modo, in una fragilità strutturale che ha come epicentro il partito stesso.






20 ottobre 2011
Il filo spinato seghettato e micidiale che circonda il Non-Cantiere nei pressi della baita Clarea(Giaglione)è lo stesso che utilizzano nel territorio palestinese confinante con Israele e Egitto nei pressi della città di Gaza.
La casa madre prodruttrice di questo materiale è italiana.

04 ottobre 2011

Rudy Guede è un cattivo guaglione, nero e povero, e sconta 16 anni di carcere per concorso in omicidio. Meredith Kercher è una ragazza di Croydon, la Londra proletaria a sud del Tamigi. Raffaele Sollecito e Amanda Knox appartengono a famiglie ricche e potenti. Guede è complice di un assassinio che non si sa chi ha commesso, Meredith è morta e Sollecito e la Knox vengono assolti. La galera non la auguriamo a nessuno, ma ci finiscono sempre e solo i "Cattivi guagliuni".
15 giugno 2011
Dopo  lunghissimi anni mamma RAI ha deciso di trasmettere il film di Nanni Moretti il regista girotondino che aveva fatto tanto scalpore con il suo film su Silvio BERLUSONI
Il film recentemente  aveva acceso delle polemiche perché ne era stata vietata la trasmissione di alcune scene all’interno del programma “Parla con Me” condotto da Serena Dandini. 
Il vice direttore generale della Rai, Antonio Marano, aveva proibito la messa in onda della sequenza finale del film perché, a suo dire, avrebbe rovinato l’attesa per una eventuale futura trasmissione
La rai pagò ben 1,500000 di euro per acquistarne i diritti
EVENTO FACEBOOK (per chi non avesse mai visto il film)
09 giugno 2011
07 giugno 2011


 
Nel 1994 giacinto(DETTO MARCO) assegnò il certificato di liberalismo a SILVIO B,ENTRATO IN POLITICA X EVITARE LA GALERA E SALVARE LA ROBA,fu ricompensato con 7 seggi in parlamento e una somma imprecisata di denaro , nel 2005 ''se vince PRODI VADO IN ESILIO CONTRO IL REGIME'' dichiarava,6 MESI DOPO SI ALLEO CON PRODI , per lui l'onestà non'è precondizione del bene comune , ha donato all'italia persone come ELIO VITO ,TARADASH,CAPEZZONE,RUTELLI ma il suo capolavoro è RADIO RADICALE ,pagata dallo stato MIRACOLO DI UN LIBERALE LIBERISTA E LIBERTARIO